Brevi Notizie storiche su Montepescali a cura di Giotto Minucci

Montepescali, antico borgo medievale del X° Secolo, si trova nel cuore della Maremma Grossetana, a 15 Km. da Grosseto di cui è frazione dal 1905 (Regio Decreto del 15 Giugno 1905 n. 367 che distacca la frazione di Montepescali dal Comune di Roccastrada e l’aggrega a quello di Grosseto).
Il Paese arroccato sopra un alto colle da dove spazia in lontananza il Mar Tirreno, l’isola del Giglio e i monti più alti della Corsica, si presenta maestoso, circondato da colossali mura e bastioni e al centro le superbe tre torri che paiono stiano là a sfidar nei secoli il tempo, esse stanno “come torre ferma che non crolla giammai la cima per soffiar dei venti!“.
Le notizie più antiche di Montepescali risalgono al 1020 e 1053, nelle quali epoche questo Castello apparteneva ai Conti Pannocchieschi.
Con la costituzione in Italia dei Comuni, avvenuta a Milano nel 1137, anche Montepescali a distanza di soli dieci anni, e cioè il 1 Maggio 1147, si costituì a Libero e Democratico Comune sotto la protezione militare della Repubblica Senese.

Ecco il Documento dell’Atto costitutivo del Comune di Montepescali, conservato nell’Archivio di Stato di Siena – Diplomatico archivio delle Riformagioni – 1 Maggio 1147.

La trascrizione dell’atto:

1147, 1 Maggio.

In nomine sancte et individue trinitas, anno dominice incarnationis millesimo centesimo quadragesimo septimo, die kalendarum maii,indictione decima.

Gloriose celsitudinis vestre consilium et auxilium habere vestroque regimini subesse cupientes, nos Gualkerius filius quondam Tegnosi et Mariscottus filius quondam.. et Febrisenaci, pro utilitate habitantium in castello de Montepescali, salva reverentia dominorum nostrorum, damus et tradimus ecclesie Sancte Marie Senensis civitatis, in persona tua Raineri Dei gratia venerabilis episcopi et comuni Senensis civitatis, duas plateas cum casis edificatis in pinna prescripti castelli de Montepescale et tres in eius burgo et quoquo anno duos cereos quinque solidorum Lucensium,quantinus omni a modo tempore, si nos heredesque nostri prescripte ecclesie Sancte Marie et Rainerio venerabili presuli suisque successoribus alque comuni Senensis civitatis tollere, contradicere, vel suptrabere ulla occasione presumpserimus, aut si lite pulsati fuerint, eas ab omnibus hominibus legitime non defensaverimus, aut si quoquo anno cereos, ut prescriptum est, non dederimus, tunc eorum bonitatis et estimationis duplum qualia fuerint, prescripte ecclesie suoque rectori alque comuni civitatis Senensis aut cui ea dederint restituemus.
Quoniam taliter,launechil recipients, nos ac nostros heredes obligare placuit. Acta in contione ante Sancti Cristofari ecclesiam, prenominati Gualkerius et Mariscottus et Febrisenaci hoc donationis instrumentum scribi rogaverunt.
Baroncellus quondam Panti, Brunettus quondam Martinucci, Ugicione quondam Iohannis, Rogerius Grassus, Iosep et Iacob quondam Ildebrandi, Pandulfinus quondam Ranuccini, Malavolta quondam Philippi presentes affuerunt testes. Sismundus etiam testis interfuit.
Albertus iudex alque notarius hoc donationis instrumentum scripsi alque complevi.

Nota: Documento tratto da “Il Caleffo Vecchio” del Comune di Siena, a cura di Giovanni Cecchini Vol.1 Firenze Leo S.Olschki – Editore – MCMXXXII – X.
 
 

Comments are closed.